martedì 10 novembre 2009

San Martino

“La nebbia agli irti colli
piovigginando sale
e sotto il maestrale
urla e biancheggia il mar.
Ma per le vie del borgo
da il ribollir de' tini
va l'aspro odor de' vini
l'animo a rallegrar.
Gira sui ceppi accesi
lo spiedo scoppiettando,
sta il cacciator fischiando
sull'uscio a rimirar
tra le rossastre nubi
stormi d' uccelli neri
com' esuli pensieri
nel vespero migrar"


Bellissima poesia di G. Carducci che evoca ottimamente queste giornate.

(foto che scattai qualche anno fa durante la raccolta delle castagne)

A grandi passi l’inverno sta incalzando e allora perché non riscaldarci con una buona e fumante zuppa?
La settimana scorsa “veloce veloce” ho preparato questa per il pupo….

Minestra d’orzo

Ingredienti per 2 persone:
4 manciate d’orzo perlato
1 carota
1 poco di sedano
1 patata
1/2 scalogno
Un rametto di rosmarino
Olio extra vergine oliva
Pepe & sale q.b.
600 ml di acqua
Formaggio grana

Come si cucina
In una ciotola far ammorbidire l’orzo per circa mezz’ora. Nel frattempo tritare la carota lo scalogno e il sedano. La patata invece tagliarla a dadini piccoli.
Nella pentola a pressione far soffriggere il trito di verdure, aggiungere poi la patata e infine l’orzo scolato, rimestare un minuto, salare pepare, aggiungere 600 ml di acqua, il rametto di rosmarino e chiudere la pentola.
Al primo sibilo abbassare la fiamma e cuocere per 20 minuti.
Servire caldo con un filo di olio EVO crudo ed a piacere con un poco di formaggio grana..

14 commenti:

  1. Ciao Roberta,
    mi hai fatto tornare in dietro di qualche annetto quando Carducci lo studiai a memoria.
    Che bello, ricordare il periodo della scuola!!!
    Prendi tutto quello che ti può servire e complimenti per il Folletto Paciugo...è proprio carino!
    ✿ ூAlexiaூ ✿

    RispondiElimina
  2. Che bella poesia che è San Martino di Carducci..Un poeta veramente meraviglioso!!E in un periodo bello com'è l'autunno, non poteva certo mancare!!Mi hai fatto venire voglia di mondine e vino rosso!!
    Per la tua zuppa, sono sempre più invogliata!!
    Complimenti per questo gustosissimo piatto!!
    Un abbraccio grande grande grande!!!

    RispondiElimina
  3. Erano giorni che avevo nella mente questa poesia e vi confesso non ricordavo il titolo, oggi la mia collega mi dice il titolo et voilà il post è fatto...lo sapevo io che quando qualche cosa mi ronza troppo nella mente un motivo c'è.

    Alexia...benvenuta! Crei delle cose fantastiche e poi come ho visto siamo tutte e due dell'Acquario....a presto e grazie ancora ciao ciao!

    Debora...il mio pupo me le chiede spesso in inverno e io da brava mamma eseguo....Un bacione :O)

    RispondiElimina
  4. ciao Roby!La faccio pure io,questa zuppa!!!Ho trovato una ricetta che non dovrò copiare!
    Bella la poesia,un pò malinconica...un pò autunnale!
    A prestissimo
    Tanti baci Lucia

    RispondiElimina
  5. GRAZIEEEEEEEEEEEEEEEEEE!
    Come perchè?
    Per esserti preoccupata per me! Non lo dimenticherò mai!
    Qui si respirano proprio i profumi di questo novembre che scivola via in fretta....
    La zuppa me la faccio!!!!!
    D'inverno vado avanti a zuppe e legumi ci vado matta....
    Mi sembra proprio di vedere fuori dalla mia finestra quell'immagine bellissima che hai scattato e postato....tesoro è bellissima, tu lo sai quanto io amo i boschi...mi ci tufferei dentro...
    Ti abbraccio amica cara fino a novembre prossimo!!!!
    ^____^

    RispondiElimina
  6. Che foto meravigliosa!!!! ^____^
    Io questa poesia non riesco più a leggerla "normale"... non posso fare a meno di sentirmi nella testa Fiorello che canta! :*DDD

    Eccola la zuppa del pupetto!! ^____^
    Anche a me piace tantissimo il rosmarino aggiunto solo che mi dimentico sempre! :*D

    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  7. spero che vadano via i numeri..tutti e di tutti i giochi.Ma se così non fosse..vediamo che cosa inventarci:un'estrazione per assegnare i numeri rimasti,tra quelli che partecipano?mica male come idea..Altrimenti resta qualcosa a me.

    un bacio caldo come le caldarroste

    RispondiElimina
  8. sì, lega perfettamente con con San Martino questa bella minestra per coccolarsi un po' dopo tutto il freddo della giornata...
    ^____________^

    RispondiElimina
  9. Grazie a tutte!!! In questi giorni passo poco tra le solite incombenze anche il pupo che sta male...non c'è pace tra gli ulivi!!!

    E i gatti hanno la gatto follia...ne combinano ... ops Matisse ne combina una perggio di bertoldo!

    Un abbraccio a tutte!!!! :O)

    RispondiElimina
  10. Questa poesia è bellissima e la tua zuppa merita di sicuro!!Brava.

    RispondiElimina
  11. Poesia molto bella che conosco a memoria.
    Azzeccata la foto.

    RispondiElimina
  12. bellissima questa poesia, mi piace molto! e la minestra deve essere davvero niente male...
    buon w.e.

    RispondiElimina
  13. Uauuuuuu Verona!^___^

    Ma quante volte ci sono stata???Mille milioni!Bellissima!!!

    E' tardi...ma mi hai fatto venire fame...sento lo stomaco che fa rumore!!!
    ...

    Ben venuta nel mio blog e nell'altro blog pure, ovviamente!:)

    RispondiElimina
  14. Guernica...la prox volta che passi fammelo sapere ci beviamo un caffè. Complimenti ancora per la vostra nuova avventura!
    Ho provato ad inserire ma musica ma con mi appare devo avere qualche blocco che non so....bho! ciaoooooooooo

    Chabb, Stella, Betty......grazie!!! A presto ciao ciao

    RispondiElimina

Le parole sono sacre e come tali vanno usate. Se lasci un tuo pensiero firma per cortesia altrimenti verrà eliminato